FacebookTwitter

reDISCOvery: gli anni perduti di Nino Ferrer

Anno progetto: 2016 - In sviluppo - Sito Web

Il progetto prevede la sperimentazione di un format di divulgazione musicale crossmediale finalizzato a far conoscere e riscoprire figure artistiche e culturali di rilievo cadute in oblio o mistificate, attraverso la creazione di una piattaforma web html5 e di un’esperienza di ascolto. La piattaforma si articola in uno spazio digitale crossdisciplinare/cross-media per la riscoperta dell’artista, che integra, promuove e implementa le componenti crossmediali dell’esperienza d’ascolto: una performance di musictelling, sorta di documentario dal vivo che fonde musica, teatro, audio, video, illustrazione. Nella performance sarà utilizzato un Guanto T8 prototipale che consente di suonare e/o gestire software video/grafici a distanza senza bisogno di strumenti musicali. Nel primo anno l’artista valorizzato è Nino Ferrer: compositore, autore, musicista, cantante, interprete, attore, pittore e uomo di lettere. L’iniziativa si svolgerà a Torino e a...

Live streaming

Anno progetto: 2009 - In sviluppo - Sito Web

Docabout ha organizzato e diretto moltissimi eventi live streaming utilizzando tecnologie spesso sperimentali e all’avanguardia, permettendo la visibilità di eventi locali in tutto il mondo attraverso internet. I temi trattati dalle trasmissioni in live streaming vanno dalle nuove tecnologie al sociale, dallo spettacolo alla cultura. Tra i principali progetti a cui Docabout ha partecipato come supporto in regia live streaming ricordiamo La trasmissione delle 25 ore di “Grande Fresco” Il 7 maggio 2010 per ben 25 ore ininterrotte è andato in onda lo spettacolo “25 ore di Grande Fresco” uno spettacolo ricco di ospiti tra cantanti, cabarettisti e poeti che si sono susseguiti sul palco dell’Artintown di Torino. Gli eventi “Arduino a scuola” e “Dall’ebook alle LIM”. In diretta dall’auditorium dell’ITIS Majorana di Grugliasco, nell’autunno 2010 Docabout ha seguito la regia TV di una serie di eventi conferenza/laboratorio di caratura nazionale riguardanti il connubio tra scuola e nuove tecnologie. Stream festival 2.0 Il palco del Punto Verde Kalippo, nel cuore del parco del Valentino a Torino, diventa il ripetitore per il secondo raduno nazionale delle web-radio italiane.  Dal 7 all’8 luglio 2012 15 band da tutta Italia, decine di artisti tra scrittori, street artist e comici, e soprattutto le webradio e web tv collegate da tutta Italia, danno vita al più grande live-media event che unisce e coinvolge migliaia di persone dal vivo e online. La locandina dell’evento “Grande Fresco” L’immagine dell’evento dedicato ad “Arduino a scuola” Il logo dell’evento Stream2.0 per il raduno delle webradio Partners        ...

Stream 2.0 il raduno delle web radio

Anno progetto: 2012 - Terminato - Sito Web

In diretta dal Parco del Valentino a Torino Docabout ha curato la regia dell’evento live streaming il 7 e l’8 luglio 2012. Il palco del Punto Verde Kalippo, nel cuore del parco del Valentino a Torino, è diventato il ripetitore per il secondo raduno nazionale delle web-radio italiane. 15 band da tutta Italia, decine di artisti tra scrittori, street artist e comici, e soprattutto le webradio e web tv collegate da tutta Italia, hanno dato vita al più grande live-media event che ha unito migliaia di persone dal vivo e online facendo presa su più mezzi e sensi, potendo raggiungere così una molteplicità di pubblico in costante ed esponenziale crescita. http://www.streamfestival.it/

La Maratona del “Grande Fresco”.

By on 3 Mag 2010 in Blog, Streaming | 0 comments

Docabout è lieta di streammare il “varietà comico musicale più lungo del mondo…” 25 ore di show live senza interruzioni per entrare nel Guinness dei Primati IMPROROGABILMENTE il 7-8 maggio dalle h20 all’Artintown e se stai a Caltanisetta clicca su QUI per la diretta

Orso TV

Anno progetto: - - Sito Web

Milano 27 nov. 2009 Tra le web tv italiane premiate allo IULM, Orso TV, la TV delle Valli Orco e Soana, vince l’award come migliore Web TV amarcord. Il progetto iniziato nel 2006 e lanciato nel 2007 rientra nel piano Wi-Pie per la riduzione del digital divide nelle zone ad alto divario tecnologico piemontesi, in questo caso una comunità montana di circa 8000 residenti. La Web TV che dispone della piattaforma tecnologica open source progettata e realizzata da CSP e supportata dal consorzio To-pix per la gestione dell’infrastruttura di servizio, ha ricevuto il premio al congresso “Paese che Vai”, giunto alla terza edizione e organizzato da Altra TV, The Blog TV, il network nazionale Odeon, Eutelsat, l’università IULM, Movi&Co., 3M e Nova Sole 24 ore. I Teletopi, così denominati in contrapposizione con i Telegatti della TV broadcast, e per il richiamo con il “mouse” informatico, sono i premi conferiti alle micro web TV nella prima edizione a 5 categorie: informative, di denuncia, amarcord, community e giovane, da una giuria di grandi esperti di TV e del mondo internet, tra cui per fare qualche nome illustre Carlo Freccero (RAI), Luca de Biase (Sole24ore), Irene Pivetti (Learn to be Free), Michele Mezza (RAI), Gregorio Paolini (autore televisivo), Bruno Pellegrini (The Blog TV) e Tommaso Tessarolo (Current TV Italia). Qui il panel della giuria al completo http://www.teletopi.tv/pages/giuria.html Il CSP per il progetto, oltre all’impianto tecnologico della web tv, web radio e blog, ha svolto un lavoro di organizzazione in format dei contenuti e si è fatta carico della prima fase di produzione di lancio; successivamente ha creato una redazione locale, nella comunità montana, sotto la guida del direttore dei programmi Franco Ferrero a cui ha proposto 6 incontri formativi e alcune attrezzature di base, per essere autonomi nella produzione web televisiva. Il progetto si è poi arricchito della partecipazione di Documentary in Europe, un’associazione per lo sviluppo del documentario che ha proposto “Superottimisti” (www.superottimisti.org), un’interessante iniziativa per il recupero della memoria storica dei territori attraverso la raccolta e la digitalizzazione di vecchie pellicole super 8, 8mm e 16mm, ovvero gli user generated content del passato, che mai come oggi possono essere restituiti al mondo sulla rete per ricordare il passato. Alcuni fondi recuperati sul territorio della Valle Orco e Soana, sono diventati oggi il format “Come eravamo”, uno dei frutti del successo di Orso TV. Durante il congresso Paese che Vai sono stati aperti interessanti dibattiti e forniti utili spunti dagli esperti a tutte le realtà Web televisive rappresentanti i micro mondi del territorio italiano, per giungere alla fondazione della Federazione delle Micro Web TV (Fe.Mi.). La votazione dei consociati ha prescelto ancora Orso TV come coordinatore di tutto il Nord...